Carriera nelle assicurazioni

Servizi

Il contratto di lavoro nelle Assicurazioni

Il contratto di lavoro nelle Assicurazioni

Chi sono i soggetti coinvolti

I rapporti tra le imprese di assicurazione ed il personale dipendente non dirigente sono regolamentati da un contratto nazionale rinnovato nel 2007 sottoscritto dall'ANIA(Associazione Italiana Imprese Assicuratrici) e dai sindacati di settore.
Sono soggette al contratto nazionale di lavoro:

  • le Imprese di assicurazione e di riassicurazione società dell'ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici);
  • le società regolarmente costituite dal Ministero per le Attività Produttive volte all'esercizio dell'assicurazione e della riassicurazione.

Modalità di assunzione dei lavoratori

L'assunzione del personale viene effettuata in conformità a quanto previsto dalla legge. Essa va considerata a tempo indeterminato, salvo quanto disposto dalla disciplina legale e contrattuale vigente in materia di contratto a tempo determinato.
L'assunzione del personale avviene previo periodo di prova che non può protrarsi oltre i tre mesi, salvo casi particolare. Durante il periodo di prova il rapporto di lavoro può essere risolto senza alcun tipo di preavviso da parte di entrambe le parti.
Sono esclusi dal periodo di prova i rapporti di lavoro derivanti da contratti di apprendistato ed inserimento trasformati in contratti a tempo indeterminato, e i rapporti di lavoro trasformati a tempo indeterminato che derivano da precedenti contratti a tempo determinato di durata non inferiore ai nove mesi.

I premi di anzianità

Al lavoratore, viene corrisposto un premio di anzianità pari all'8% e al 16% della retribuzione annuale a compimento del 25° e del 35° anno di servizio effettivo prestato presso una stessa impresa. Tale premio viene corrisposto in misura proporzionale in caso di cessazione del rapporto di lavoro per morte del dipendente intervenuta tra il 20° e il 25° anno di servizio ed in caso di cessazione del rapporto (ad esclusione del licenziamento per giusta causa o giustificato motivo per inadempimento da parte del dipendente degli obblighi contrattuali) avvenuta tra il 30° e il 35° anno di servizio.

Pari opportunità

Il contratto nazionale nelle assicurazioni mira a rafforzare ulteriormente le condizioni per una sempre più significativa presenza delle donne nelle imprese, sollecitando questa ultime favorire un incremento del personale femminile nell'organigramma aziendale.

Disposizioni contro il mobbing

Il contratto di lavoro nelle assicurazioni tutela i diritti fondamentali dei lavoratori tramite l'Osservatorio Nazionale Paritetico sul Mobbing". Tale istituto è costituito da 5 rappresentanti indicati dall'Ania e da 5 rappresentanti indicati dalle OO.SS., con rotazione nella presidenza.
È suo compito ricercare ed analizzare dati e risultanze scientifiche e giuridiche al fine di comprendere appieno il fenomeno mobbing; individuare le possibili cause, la diffusione e le caratteristiche del fenomeno nei luoghi di lavoro, con un occhio particolare alla prevenzione di tutti quei fattori che possano determinare l'insorgere di situazioni di "mobbing".

Le tempistiche relative alla risoluzione dei rapporti di lavoro

I termini di preavviso sono stabiliti in 6 mesi per i lavoratori che hanno superato il periodo di prova e non hanno ancora compiuto 25 anni di servizio; in 9 mesi per i lavoratori che hanno compiuto 25 anni di servizio effettivo.
Il mancato preavviso obbliga entrambe le parti al pagamento di un'indennità sostitutiva.
Durante il periodo di preavviso l'impresa è tenuta ad accordare al lavoratore adeguati permessi, con un massimo di due ore giornaliere, per consentirgli la ricerca di un'altra occupazione.

Il trattamento previdenziale

A favore di ciascun lavoratore è previsto un trattamento previdenziale finanziato in parte mediante contributo dell'Impresa ed in parte mediante contributo del lavoratore (anche mediante il conferimento del trattamento di fine rapporto). Inoltre, il contratto di lavoro nelle assicurazioni prevede la costituzione di un Fondo Unico nazionale per l'assicurazione contro i rischi di non autosufficienza (Long Term Care) dei dipendenti del settore assicurativo.

L'aggiornamento professionale

Le imprese assicuratrici hanno l'obbligo di curare l'aggiornamento professionale dei funzionari in relazione alle responsabilità loro affidate. Devono altresì supportare progetti individuali formativi finalizzati all'ampliamento e aggiornamento delle conoscenze professionali individuali correlate al ruolo. L'Impresa deve inoltre favorire progetti di formazione in funzioni propositive, coinvolgendo nello svolgimento dei corsi i funzionari medesimi che hanno acquisito specifiche competenze tecniche durante il loro percorso professionale.

Copyright © Carrieranelleassicurazioni.it