Carriera nelle assicurazioni

Servizi

L'esame Isvap per Agenti o Broker

L'esame Isvap per Agenti o Broker

L'esame Isvap è un passaggio necessario ad accertare l'effettivo possesso dei requisiti adatti per poter operare nel campo delle assicurazioni.

L'Isvap ha il compito di regolamentare l'accesso alle professioni assicurative e sottolinea come, in questo settore, la formazione sia un elemento fondamentale e prioritario nell'attività di intermediari assicurativi, broker e agenti. L'esame ha una cadenza annuale e viene indetto tramite pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Tramite pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, nel Bollettino e nel sito istituzionale, l'Isvap comunica ogni anno le sedi, le modalità di svolgimento della prova ed ogni altra informazione relativa all'esame per agenti assicurativi e broker. I candidati vengono esaminati da una commissione nominata dall'Isvap composta da due dirigenti dell'Istituto: uno con funzioni di presidente, due funzionari, due docenti universitari in una delle seguenti discipline: diritto delle assicurazioni, diritto civile, diritto commerciale, diritto privato.

Requisiti d'accesso

Per accedere all'esame Isvap bisogna essere diplomati, a seguito di un corso di durata quinquennale oppure quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge, aver conseguito un titolo di studio all'estero o essere laureati.

L'esame Isvap: modalità e materie d'esame

La prova consta in due esami, uno scritto con quesiti a risposta multipla ed una prova orale. Le materie d'esame sono di pertinenza del campo giuridico. Gli esaminandi verranno interrogati su materie inerenti il diritto delle assicurazioni, compresa la disciplina regolamentare emanata dall'ISVAP, la previdenza complementare e l'attività di agenzia e di mediazione. Compongono inoltre l'esame il diritto privato e il diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare, elementi di tecnica assicurativa e la disciplina relativa alla tutela del consumatore. Solo per coloro che desiderano esercitare l'attività di intermediari riassicurativi, alle discipline elencate in precedenza si aggiungono la tecnica riassicurativa, la disciplina del contratto di riassicurazione, le tipologie di riassicurazione. Per essere idonei occorre ottenere un punteggio non inferiore a sessanta centesimi in entrambe le prove. Per i candidati iscritti nelle sezioni C o E del registro rui da non meno di tre anni dalla sessione d'esame, l'Isvap prevede solamente la prova scritta. In questo caso per essere ritenuti idonei occorre conseguire un punteggio non inferiore a settanta centesimi (70/100).

Come prepararsi all'esame Isvap.

L'unico modo veramente efficace per prepararsi al superamento dell'esame Isvap è quello di partecipare ad un corso di formazione specifico. Molti sono gli istituti che si occupano di erogare corsi di preparazione alla carriera assicurativa. All'indirizzo seguente forniamo una panoramica di alcune di esse: http://www.assicurazioni-polizze.com/lavoro_assicurazioni/corsi_assicurazioni.html.

Come iscriversi all'esame Isvap

Per iscriversi regolarmente all'esame Isvap occorre collegarsi al sito ed effettuare la domanda di iscrizione ondine. Il modulo di iscrizione va compilato fornendo tutte le informazioni richieste. Il giorno stesso della prova d'esame è necessario presentare una marca da bollo da € 14,62 unitamente a un documento d'identità.

Il R.U.I.

Il R.U.I.

Tutti gli operatori che, a vario titolo, lavorano nel settore delle assicurazioni, sono iscritti all'interno del registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi. Il R.U.I. oltre a indicare i requisiti per l'accesso alle professioni rappresenta una garanzia per tutti coloro che si rivolgono ad una compagnia di assicurazione.

L'esercizio dell'attività di intermediazione è riservato ai soli iscritti nel Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi (RUI). Il Registro è stato istituito dal decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 (Codice delle Assicurazioni) ed è disciplinato dal Regolamento ISVAP dell' ottobre 2006.
Tale registro fornisce ai consumatori una banca dati completa delle persone e delle società che operano nel campo della intermediazione.
Il Registro rui è suddiviso in 5 sezioni, le prime due la A e la B sono riservate alle persone fisiche e alle società che operano nelle assicurazioni, gli agenti e i broker.
Le sezioni C e D invece sono riservate rispettivamente ai produttori diretti di imprese di assicurazione e alle banche, agli intermediari finanziari alle Sim e alla Poste italiane.
L'ultima, la sezione E, è riservata ai collaboratori degli intermediari che operano al di fuori dei locali degli intermediari. Il Registro rui, non consente la contemporanea iscrizione in più sezioni.

Sezione A

Tale sezione è riservata agli Intermediari che operano per conto di una o più compagnie di assicurazione o di riassicurazione, persone fisiche o società. I requisiti che una persona fisica deve possedere per accedere al registro rui sono, oltre al godimento dei diritti civili, l'aver superato la prova d'idoneità prevista dall'Isvap, il non essere iscritti nel ruolo dei periti assicurativi, non essere dipendenti dell'amministrazione pubblica. Sono esonerati dal sostenere la prova di idoneità coloro che erano iscritti nell'Albo degli agenti di assicurazione prima dell'istituzione del registro.
Le società che intendono iscriversi nel Registro rui devono avere sede legale in Italia, aver affidato la responsabilità dell'attività di intermediazione ad almeno una persona iscritta nella sezione A del Registro, non appartenere alla categoria degli enti pubblici . Le società devono inoltre possedere un capitale sociale non inferiore a 120.000,00 euro.

Sezione B

La sezione B è quella riservata riservata a i broker, ossia gli Intermediari che agiscono su incarico del cliente e in maniera autonoma rispetto alle imprese di assicurazione o di riassicurazione rispetto alle quali non hanno nessun potere di rappresentanza. I broker iscritti, devono aggiornarsi professionalmente , con cadenza almeno annuale. Per le società iscritte in questa sezione, vigono gli obblighi di avere la sede legale in Italia, di avere affidato la responsabilità dell'attività di intermediazione, rappresentante legale di amministratore delegato e direttore generale a persone fisiche iscritte nella sezione B del registro. Il requisito economico per l'iscrizione al Registro rui equivalente a un capitale sociale non inferiore a 120.000,00 euro.

Sezione C

La sezione C è riservata a coloro che operano nei rami vita e nei rami infortuni e malattia per conto un'impresa di assicurazione. Oltre ai requisiti elencati in precedenza, è richiesto il conseguimento di una formazione professionale adeguata ai contratti intermediati ed all'attività svolta. La richiesta di iscrizione va presentata all'Isvap direttamente dall'impresa di assicurazione che si avvale del produttore.

Sezione D

Nella sezione C si rovano le banche, le Sim, gli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'articolo 107 del Tub (testo unico bancario) e la Divisione servizi di bancoposta delle Poste italiane spa. Gli iscritti a questa sezione ricevono incarichi per l'esercizio dell'attività di intermediazione assicurativa da parte di compagnie di assicurazione.

Sezione E

La sezione E è riservata ai collaboratori degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B e D del registro. In possesso degli stessi requisiti giuridici e lavorativi degli iscritti alle altre sezioni, i professionisti appartenenti a questa sezione devono essere iscritti nella sezione E su domanda degli intermediari iscritti nelle sezioni A, B, D.

Copyright © Carrieranelleassicurazioni.it